Piazza Armerina, collassano gli affreschi di Borremans in San Giovanni.
Disperato l´appello di monsignor Antonino Scarcione, rettore della chiesa di San Giovanni Evangelista a Piazza Armerina. Por Tina Lepri

Dopo 15 anni di abbandono, i settecenteschi affreschi del fiammingo Guglielmo Borremans (eseguiti tra il 1730 e il 1735) stanno cedendo per le copiose infiltrazioni d’acqua dalle finestre e dal tetto della chiesa. Per bloccare il disastro la Soprintendenza di Enna aveva promesso di intervenire nel 2000, quando lo stato degli affreschi era già gravissimo. Venne così attuato un primo intervento sulle pitture, ma i tecnici si accorsero subito che oltre agli affreschi si stavano perdendo anche gli stucchi: per rimediare al disastro parte delle pitture sollevate dall’umidità e delle piogge vennero fissate con una «velinatura» della pellicola pittorica. Quell’intervento provvisorio, in attesa del restauro mai avvenuto, è diventato permanente e oggi la situazione è peggiorata. Le veline staccandosi trascinano giù porzioni di figure, dice monsignor Scarcione.
Dopo appelli alla Soprintendenza di Enna, alle associazioni culturali e ai privati per salvare uno dei più importanti cicli di affreschi in Sicilia, ha messo a disposizione il suo Tfr, la liquidazione, per «iniziare almeno a mettere in sicurezza le parti più pericolanti».

Una prima risposta è arrivata dall’associazione Mira 1163, presieduta da Francesco Galati, componente del comitato tecnico-scientifico dell’associazione italiana siti Unesco che ha inviato una lettera all’assessore ai Beni regionali Mariarita Sgarlata e al sindaco di Piazza Armerina: «Gli interventi sulla chiesa, pur tra le difficoltà finanziarie della Regione, non sono più rinviabili. Eventuali rimpalli di competenza tra Regione e Comune sarebbero deleteri per gli affreschi di Borremans, per la sicurezza strutturale della chiesa, e una condanna irreparabile per l’arte».

Dopo un rapido sopralluogo, Mariarita Sgarlata ha promesso un finanziamento di 70/80mila euro sui 150 necessari per un primo restauro. Ha anche rivolto un appello a banche e imprese e Cei perché partecipino alle spese. Anche il Comune, sostiene l’assessore, potrebbe intervenire con parte degli incassi della Villa Romana di Piazza Armerina.

Fuente: ilgiornaledellaarte.com
 
Más información
 
  Compartir: Agregar a Blogspot  Facebook  Agregar a Myspace  Agregar a Twitter  Agregar a LinkedIn
 
Cerrar